Che cos’è quell’odore?

smell

8 segnali che il tuo naso può riconoscere, indicano che qualcosa non va sulla tua auto.

1. Odore dolciastro (sciroppo d’acero)

Quando: dopo il riscaldamento del motore o anche qualche minuto dopo lo spegnimento.
Il colpevole: il liquido antigelo contiene glicole etilene dall’odore dolce (ma tossico). Probabilmente c’è una perdita dal radiatore o da qualche manicotto danneggiato specialmente se l’odore è all’esterno dell’auto. All’interno dell’abitacolo potrebbe indicare una perdita dall’impianto di riscaldamento.

2. Odore di calzini da ginnastica

Quando: quando accendi la ventola del riscaldamento/aria condizionata e ti arriva quell’odore di spogliatoio.
Il colpevole: è la muffa generata dall’umidità all’interno dell’impianto di aria condizionata. La soluzione semplice è spegnere l’aria condizionata un paio di chilometri prima di arrivare a destinazione tenendo le ventole al massimo per asciugare i condotti dell’impianto.

3. Odore di zolfo

Quando: sempre, soprattutto quando parcheggi l’auto in garage dopo un lungo viaggio.
Il colpevole: sì, è davvero zolfo. Può indicare un perdita di olio per ingranaggi, dalla scatola del cambio o dal differenziale. I composti dello zolfo presenti in questi olii servono ad aumentare il potere lubrificante. Purtroppo, queste perdite di solito significano un viaggio dal meccanico.

4b

4. Odore di stazione di servizio.

Quando: ad auto parcheggiata, specialmente all’interno del garage quando il motore è ancora caldo.
Il colpevole è la benzina. Sulle vecchie automobili un po’ di odore è abbastanza normale ed è dovuto ai vapori di benzina nei carburatori. Le auto moderne hanno sistemi di evaporazione delle emissioni molto efficienti, così l’odore indica che qualcosa non va. Potrebbe essere una perdita dagli iniettori o da un tubo di sfiato del serbatoio.

5b

5. Odore di uova marce

Quando: sempre quando il motore è acceso.
Il colpevole è il solfuro di idrogeno nel gas di scarico, prodotto dai composti di zolfo presenti nella benzina. Può indicare un problema di iniezione, e può essere sistemato con precisione da un bravo meccanico. Ma spesso, indica un catalizzatore danneggiato. La cattiva notizia: un nuovo catalizzatore è costoso. La buona notizia è che probabilmente è coperto da garanzia.

6b

6. Odore acre di carta bruciata

Quando: ad ogni velocità ma soprattutto quando sforzi la frizione ad esempio nelle ripartenze in salita.
Il colpevole: il materiale d’attrito della frizione si brucia quando la frizione slitta. Spesso il materiale d’attrito è a base di carta. L’odore ricorda la appunto la carta di giornale bruciata. Come se stessi cercando di bruciare nel camino i quotidiani vecchi tutti insieme soprattutto se sono stati usati per avvolgere le sardine. Sostituire la frizione o smettere di tenere il piede appoggiato al pedale mentre si viaggia.

7b

7. Odore di olio bruciato

Quando: quando il motore è caldo.
Il colpevole: una perdita di olio sul collettore di scarico bollente. È un odore più acre e pungente dell’olio usato per friggere le patatine. Se la perdita proviene da un sigillo dell’albero motore che sta spruzzando olio ovunque, un po’ ne finirà anche sullo scarico rovente – ma la maggior parte finirà sul pavimento. Se la perdita proviene dal coperchio delle valvole non è detto che si troveranno tracce d’olio sul pavimento perché cadendo sullo scarico evaporerà all’istante. Cerca il fumo… e fai sistemare la perdita

8b

7. Odore di tappeto bruciato

Quando: quando usi molto i freni o in modo molto energico.
Il colpevole: le pastiglie dei freni sono surriscaldate. È perfettamente normale durante una lunga discesa da un passo di montagna, ma dovresti imparare a scalare e usare il freno-motore. Se senti l’odore in normali condizioni di guida controlla di non avere tirato il freno a mano. Oppure potresti avere un pistoncino di una pinza bloccato che non permette l’allontanamento della pastiglia dal disco. Controlla la temperatura delle pinze a mano (facendo attenzione a non scottarti) quella più calda è quella bloccata.

Liberamente tratto da Popular Mechanics